Per continuare sull'onda delle canzoni folk/regionali, il nostro giro d'Italia, 
restiamo in terra d'Abruzzo. L'Abruzzo, "forte e gentile", con il suo gran Sasso,
che è di roccia "dolomia". Questa montagna che quando finalmente l'ho vista, dopo
pochi mesi che ero qui e dopo aver visto la Maiella, mi ha fatto esclamare: "Ecco,
questa è un vera montagna!" Dopo quel sant'Uomodmv, mi portò al Castelluccio,
a vedere i Sibilini! ;-)
Vola vola vola
Vulésse fà 'rvenì pe' n'ora sola
lu tempe belle de la cuntentèzze,
quande pazzijavàm'a vola vola
e ti cupré di vasce e di carezze.

E vola vola vola
e vola lu pavone;
si tie' lu core bbone
mo' fàmmece arpruvà.

E vola vola vola
e vola lu pavone;
si tie' lu core bbone
mo' fàmmece arpruvà.

Na vôte pe' spegnà lu fazzulette
so'state cundannate di vasciarte.
Tu ti sci' fatte rosce e mi sci dette
di 'nginucchiarme prime e d'avvracciarte.

E vola vola vola
vola lu gallinacce;
mo' se mi guardi 'n facce
mi pare di sugnà.

E vola vola vola
vola lu gallinacce;
mo' se mi guardi 'n facce
mi pare di sugnà.

Come li fiure nasce a primavere
l'amore nasce da la cittellanze.
Marì, se mi vuo' bbene accòme jere,
ne' mmi lavà stu sonne e sta speranze.

E vola vola vola
e vola lu cardille;
nu vasce a pizzichìlle
ne' me le può negà.

E vola vola vola
e vola lu cardille;
nu vasce a pizzichìlle
ne' me le può negà.
 

Per la traduzione e altri canti abruzzesi, guarda qua