J’Abbruzzu

 

Scarica file audio mp3: (1366 Kb)

decomprimere ed eseguire

 

TESTO DIALETTALE


J’Abbruzzu
di Carlo Perrone

So’ sajitu aju Gran Sassu,
so’ remastu ammutulitu…
me parea che passu passu
se sajesse a j’infinitu!

Che turchinu, quante mare,
che silenzio, che bellezza
pure Roma e j’atru mare
se vedea da quell’ardezza.

Po’ so’ jitu alla Majella,
la muntagna è tutta ‘n fiore;
quant’è bella, quant’è bella,
pare fatta pe’ l’amore!

Quantu sole, quanta pace,
che malia la ciaramella
ju pastore veja e tace
pare ju Ddiu della Majella.

Po’ so’ jitu alla marina
e le vele colorate
co’ ju sole la mmatina
se so’ tutte ‘Iluminate.

Se recanta la passione
ju pastore alla montagna,
ji responne ‘na canzone
dajiu mare alla campagna.

 

TESTO ITALIANO


L’Abruzzo
di Carlo Perrone

Son salito sul Gran Sasso,
son rimasto ammutolito…
mi pareva che passo passo
si salisse all’infinito!

Che turchino, quanto mare,
che silenzio, che bellezza,
pure Roma e l’altro mare
si vedevan da quell’altezza.

Poi sono andato sulla Majella,
la montagna è tutta in fiore;
quant’è bella, quant’è bella,
sembra fatta per l’amore!

Quanto sole, quanta pace,
che malia la ciaramella;
il pastore veglia e tace
pare il Dio della Majella.

Poi sono andato alla marina
e le vele colorate
con il sole la mattina
si son tutte illuminate.

Se ricanta la passione
il pastore sulla montagna,
gli risponde una canzone
dal mare alla campagna.

https://i1.wp.com/www.bedandbreakfastpoint.it/public/absolutenm/articlefiles/230-GranSasso_CornoGrande.jpg