Prefazione: sto scrivendo dal Pc del figlio, il mio è collassato! Ho cercato alcune canzoni della mia adolescenza, e questa è una . . . purtroppo è solo in spagnolo (credo), ma vi metto le parole in italiano.

Canzone degli anni ’60, rientrante nel repertorio musicale dell’organizzazione statunitense Up With People. Tradotta in italiano da A. Costa e P. Marchetti per la casa discografica ECO di Milano. 

Buona notte dissi al mio bambino
Tanto stanco quando il giorno finì.
Allora chiese: "Dimmi, papà,
La pelle di Dio che colore ha?"

Di che colore è la pelle di Dio?
Di che colore è la pelle di Dio?
E’ nera, rossa, gialla, bruna, bianca perché
lui ci vuole uguali davanti a sé.

Con l’occhio innocente egli mi guardò,
mentire non potevo quando domandò:
"Perchè le razze s’odiano, papà,
se per Dio siamo una sola umanità?"

Di che colore…

Questo, figliolo, non continuerà,
L’uomo infine imparerà
come dobbiamo vivere noi,
figli di Dio, da ora in poi.

Di che colore…

Varianti

  • lui ci vede uguali davanti a sé.
  • se in Dio siamo una sola umanità?"
  • Con occhi innocenti egli mi guardò,